Elenco blog personale

venerdì 8 novembre 2013

Tenda canadese



C’è un episodio di Ally McBeal molto divertente.
Ally viene scelta come damigella d’onore, nonostante non sia amica della sposa, ma la conosca solo per motivi legati al lavoro.
Arriva il giorno delle nozze. Lei non conosce nessuno, a parte la sposa. Appena, in chiesa, arriva lo sposo, Ally si rende conto di conoscere anche lui.
Il giorno prima, in un autolavaggio, incontra un aitante sconosciuto e, presi entrambi da un’irrefrenabile attrazione, si ritrovano a fare sesso in mezzo ad acqua, spazzole rotanti e schiuma.
L’aitante sconosciuto è lo sposo.
Nel momento in cui il sacerdote pronuncia la solita frase che si conclude con “Parli ora o taccia per sempre”, Ally si impone distacco e discrezione, ma vede la propria mano che, indipendente dalla sua volontà, comincia a muoversi, ad alzarsi, in modo da richiedere l’attenzione. Lei vuole fermare la mano, ma non può. È come se fosse dotata di vita propria. E sarà proprio a causa del suo intervento che, per quel giorno, il matrimonio salterà.
(Forse ci sono inesattezze, ma non vedo l’episodio da anni)

Io ieri mi sono sentita quasi come Ally. Ho cercato ripetutamente di fermare una parte del mio corpo, ma niente, non ci sono riuscita.
A lavoro, immettevo dati, quando si è fermato accanto a me un bel ragazzo.
Una faccia pulita, di sicuro uno sportivo, anche abbastanza giovane. L'ho guardato di sfuggita e, mentre riportavo i miei occhi sul monitor, questi indisciplinati si sono soffermati, invece, sull’evidente erezione del giovane. Per dirla con le parole di un collega un po’ sopra le righe, sembrava quasi una tenda canadese.
Il fatto che indossasse una tuta rendeva tutto più visibile ed esagerato, ed io non sono riuscita a non guardare. Imbarazzata, con la testa bassa, per un motivo o l’altro, alla fine i miei occhi, autonomamente, tornavano sempre a guardarlo e a pensare come sfruttare al meglio tutto quel volume. I miei sguardi furtivi si sono fermati quando lui è andato via, augurandomi buon lavoro.

Uomini, quando indossate una tuta, sappiate che potreste imbattervi ne La Rossa di turno.
Siate generosi!


10 commenti:

  1. E' mia opinione, che per ottenere quell'effetto si deve lasciare a casa anche altro, salvo aver indossato 2 taglie di troppo o la "culotte" abbandonata dalla damigella di turno nel buio di una stanza dalla quale si è scappati.

    k

    RispondiElimina
  2. Tifo culotte, e non due taglie in più. :-)
    Com'è iniziata la giornata, oggi?

    RispondiElimina
  3. Milano è abbracciata da pioggia anglosassone, di quelle che non vedi ma senti penetrare. Oggi ho ripensato molto alla mia infanzia, i tempi del collegio nel verde Regno Unito.
    Sai, è una di quelle giornate da camino scoppiettante, immensa tazza di infuso alla cannella e caramello con abbondante cucchiaiata di miele profumato al sambuco, (voi astemi non avete alternativa!).
    Si prospetta un meraviglioso week-end uggioso, da passare sotto le coperte, con un buon libro, i gatti e la web radio in sottofondo. Questa ... http://svel.to/a0w.

    k

    PS: prossima volta che si presenta una erezione scoppierai a ridere pensando a quello che potrebbe esserci sotto, temo!

    RispondiElimina
  4. Adoro i camini scoppiettanti, le tazze di infusi, il miele, i week end uggiosi, le coperte, i libri, gatti e musica in sottofondo.

    Credo che guarderò le erezioni con occhi diversi! :-)

    RispondiElimina
  5. Sfruttare tutto quel volume...
    Ahaha, delizioso! :)

    RispondiElimina
  6. certamente che siamo "generosi" :D

    RispondiElimina
  7. ma secondo me si è toccato prima di entrare da voi.... :-)

    buon fine settimana rossa !

    RispondiElimina