Elenco blog personale

venerdì 6 dicembre 2013

Condividere

In passato, ho attributo scarso valore, a questo verbo.

Condividere la cameretta, i giochi, la paura del buio...
Spesso era, più che altro, una rottura di scatole. Specie nel caso di un armadio, o del commodore 64!

Condividere i ricordi, invece, è piacevole. 
C'è quella dolce nostalgia che, a distanza di tempo, edulcora un po' tutto, e ci fa rimpiangere i pomeriggi trascorsi a casa con i nonni, o le vacanza al mare, da bambini.

Si può condividere un'intera casa, si può condividere un letto, e ci sono molti modi in cui lo si può fare.
Trovarsi insieme nello stesso spazio, non significa condividere. Dormire nello stesso letto, non è condividere. Così mi è stato detto.

Stanotte, come sempre, mi sono svegliata dalla sua parte del letto, incollata a lui. 
Mi sono resa conto che il mio materasso è quasi intatto, perchè, in un modo o nell'altro, vado a finire sempre da lui.

Per lunghi periodi, in verità, l'ho ignorato. 
Apposta, naturalmente. 
Lunghi periodi di non conunicazione, non affetto. 
Indifferenza e astio. 
Durante questi lunghi silenzi, io ho cancellato, dalla mia mente, il termine condivisione.

Da poco ho scoperto che si possono condividere progetti, sogni, passioni. 
Emozioni, piaceri, interessi.

Io non voglio più accontentarmi.  

Uffa.it


 

 



20 commenti:

  1. Ieri sera, il salone era piena di altro!
    Dove se non sul lettone si può stare tranquilli ad ascoltare la propria musica.
    Due gatti che fanno le fusa, la luce spenta, le luci delle auto in lontananza.
    Arriva il cucciolo, si infila sotto le coperte e solo dopo chiede se può addormentarsi li. Cambio colonna sonora, Jazz natalizio.
    Concedere è raro, ma viste le modalità, perché no.
    Le solite 4 chiacchiere, le solite domande, le solite dichiarazioni di intenti, così magiche e sofisticate.
    Alle 2 questa mattina, era ancora li, sua madre nel lettino in cameretta.
    Non si è spostata, non ha voluto, non ho insistito; il cucciolo percepito che avrebbe potuto risvegliarsi al mio fianco all'alba ha esclamato "evviva", un nano secondo prima di ripiombare nel sonno.
    Io sono rimasto in contemplazione, per almeno 100 minuti, trattenendo il fiato ascoltando il respiro dei giusti.
    Notte strana, decisamente.
    Chissà

    k

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra una notte bellissima.
      Dolce.
      Di quelle che restano nei ricordi. :-)

      Elimina
  2. vero è che per condividere non si deve vivere nella stessa casa o dormire nello stesso letto, ma certamente ciò aiuta lo star (bene) insieme.

    buona giornata rossa !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, indubbiamente.
      Volevo dire che non basta dormire insieme, per condividere.

      :-*

      Elimina
  3. grazie...grazie perchè mi hai fatto ricordare quanto sia bello condividere, quanto sia bello comunicare
    troppo spesso ci si dimentica di quanto sia importante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo spesso, hai scritto bene.
      E poi, spesso diventa difficile rimediare.

      Grazie a te, che vieni a leggermi <3

      Elimina
  4. Avere qualcosa in comune da condividere è la cosa più bella. Non necessariamente tutto, avere anche qualcosa che "separa", ogni tanto, ci vuole.

    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, hai centrato benissimo il senso.
      Condividere, ma senza diventare asfissianti.

      Buon weekend a te :-)

      Elimina
  5. Io non ho MAI voluto accontentarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto così, dovremmo tutti fare così!!

      Elimina
  6. Stare bene nel letto è una delle cose più importanti per stare bene come coppia fuori dal letto.
    Non accontentarsi diventa stimolo anche per la persona con sui si cammina insieme per la vita. Ebbbrava Rossa! :) :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non accontentarsi dovrebbe essere uno stile di vita!

      Un bacio, caro UnUomo <3

      Elimina
  7. In un mondo dove non si condivide manco più il mangiare assieme (ognuno perso a condividere idee sullo smartphone ma non col vicino di sedia), riscoprire i contatti umani é la cosa migliore possa accaderci.
    Buon uichend, Rossa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, quanto è vero!

      A lunedì, mio dolce Grisù :-*

      Elimina
  8. Risposte
    1. Procedo per tentativi.
      Un bacio, Gio :-*

      Elimina
  9. io intanto condivido ciò che hai detto,... mi è piaciuto molto!
    A presto :P

    RispondiElimina