Elenco blog personale

martedì 2 aprile 2013

Pensieri notturni



Stanotte ho dormito dai miei. La terza volta in un anno. La prima volta che non lo faccio per manifestare un disagio, per rinfrescarmi le idee. Stavolta l’ho fatto per motivi pratici. Ma preparare la mia roba per andare via da casa comincia a darmi un senso di libertà. Come se non avessi radici. Ciò che mi serve sta dentro uno zaino. Il fatto che stavolta non abbia avuto nulla da recriminare, mi ha portato a guardare indietro con molta serenità. Dormire sul divano mi piace, non è definitivo. Ed io odio ciò che è definitivo. 
Dormii in questa stanza per due mesi, da adolescente. Giusto il tempo di ristrutturare la mia vera camera. E lo ricordo come un periodo molto felice. Nel quale imperava il “mio” disordine creativo, ascoltavo Planet rock su radio due e il violoncello di Something in the way dei Nirvana mi regalava emozioni incredibili. Qualche anno dopo, in questa stanza, sperimentai più volte nuovi approcci con il mio fidanzato storico, e fu proprio qui  che, infine, gli comunicai l’intenzione di troncare la nostra storia. Perché faccio così. Comunico improvvisamente decisioni insindacabili, prese in maniera univoca e ho anche la presunzione che queste vengano accettate senza discussione. Proprio adesso sto lavorando ad una decisione insindacabile, non senza difficoltà. 
In questa stanza, anni e anni fa, mandai a quel paese un candidato alle amministrative intenzionato a gettare fumo negli occhi. Ringraziai molto mia madre, per avermi dotato di coscienza critica, quel giorno. Lei si rimproverò di non avermi provvisto di diplomazia, invece, visto che l’aspirante politico ormai ci saluta appena. 
Non sono riuscita a dormire molto, stanotte. Tanti ricordi, un po’ di tensione. In certi casi, la voglia di tornare bambina.


Sabato, a lavoro, un uomo ha detto che somiglio alla Sandrelli da giovane. Ovviamente non è vero. Se possedessi un decimo della sua dolcezza sobillatrice, mi ammalierei da sola. Ma mi sono accorta di arrossire. Come quando qualcuno nota il mio sorriso, o mi riserva delicate attenzioni. Ciò non capita se, invece, mi si esprimono desideri o fantasie. Un amico ha confidato di avermi sognato. Indossavo un abito corto, ma vaporoso. Ci baciavamo. Io seduta su uno sgabello, lui in piedi. Gli davo le spalle. Lui sollevava la gonna ed entrava in me, da dietro, dopo avermi appena lubrificata. Ed io, mentre lo pregavo di non farmi male (si, era proprio un sogno!), mi masturbavo diligentemente. 
In questo caso non solo non sono arrossita, ma ho aggiunto le mie fantasie, desiderando pure di realizzarlo, il suo sogno. 
Ciò che ruota intorno al corteggiamento mi lusinga, tocca le corde scoperte dell’emozione. Il sesso mi vede un po’ selvaggia, invece. Dovrei solo imparare a conciliarle meglio, queste mie due anime.

Divorzio all'italiana - Stefania Sandrelli - Marcello Mastroianni

14 commenti:

  1. Dolce e selvaggia...un mix devastante Ragazza :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce non so...anzi, penso di no. Proprio nel profondo. In uno scambio al limite con il sentimento vero.

      Elimina
  2. approcci sul divano..
    sono i piu bei ricordi.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quasi esperimenti. Si, bei ricordi!

      Elimina
  3. La Sandrelli! Credo di essermi emancipata bi-sessualmente proprio con uno dei suoi film.
    FG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che dire della sua espressione maliziosamente innocente? Da perderci la testa!

      Elimina
    2. Gli Zadra affermano che gli esseri completamente sessuali sono bisessuali.

      Elimina
    3. Gli Zandra hanno ragione . Quasi sempre
      FG

      Elimina
  4. Un mio Amico dice che voi donne è come se prendeste la rincorsa su certe decisioni. Quando siete partite poi non vi fermate più e noi uomini rimaniamo indietro, non ci sono possibilità di recupero.
    Sei già sui blocchi di partenza, eh?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, lo sono. Spero che non sia una falsa partenza, ma confido in me stessa ;-)

      Elimina
  5. Il raggiungimento della massa critica, i genitori cui siamo grati per averci cresciuti cosi', e che invece se ne rammaricano, ... mi e' molto familiare tutto questo :-)

    Suerte, Rossa!

    Ciao :-)

    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà credo ne siano felici anche loro ;-) non potrei essere diversa da così! Non lo immagino proprio.

      Elimina
  6. Il corteggiamento... è l'affascinante gioco della seduzione.. il piacere di piacere... è uno dei momenti più intensi e intriganti di un incontro. L'emergere delle sole pulsioni istintive.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione. Quando tutte le possibilità sono aperte, spendi te stesso e ti vedi tramite lo sguardo nuovo di un altro... Vivo anche di questa adrenalina.

      Elimina