Elenco blog personale

venerdì 21 giugno 2013

Dalla finestra



Ci sono pomeriggi in cui la voglia di lavorare è pressoché nulla. In queste giornate apatiche posso fare solo due cose per ingannare il tempo: guardare l’orologio ogni 10 minuti o rivolgere lo sguardo a porte e finestre sperando di essere fuori.

Ieri

La mia attenzione è attirata da una coppia che cammina nel parcheggio. Entrambi sui quaranta, si tengono per mano. Poi si fermano, si dicono qualcosa, lui la bacia in maniera appassionata. La cinge con forza, le mette una mano tra i capelli, con l’altra le tocca voluttuosamente il culo. I passanti non perdono occasione di guardare e commentare. Io sorrido, quasi li invidio.
Poi si staccano, si guardano negli occhi, si baciano ancora e prendono direzioni diverse. Anzi, lui resta fermo e la guarda allontanarsi, inviandole con la mano un ultimo bacio. Poi salgono sulle rispettive auto e vanno via.

Io li conosco questi incontri. Appuntamenti in posti neutri, pubblici, che non possano destare sospetti/curiosità. La voglia di mescolarsi tra gente che compie gesti normali, per sentirsi quasi una coppia “normale”, magari dopo aver passato due ore ad amarsi, scoparsi, scambiarsi anima, sogni e, a volte, fare progetti che non si realizzeranno mai. Vivere una storia clandestina, in certi casi, può essere doloroso. Quando vorresti condividere con l’altro una gioia, o una preoccupazione. Quando hai bisogno di sapere se l’altro sta bene, ma in realtà non puoi contattarlo. Quando è la sua pelle che vorresti sentire addosso, ed invece c’è un altro che si muove dentro di te.
Per questo vorrei bandire i sentimenti.  



Anni fa lessi dei commenti a proposito di questa canzone. Giudicavano il testo “egoista”. Io l’ho sempre trovato sublime. E molto vicino a me.

Un sentimento. Egoista o altruista che sia. E' "solo" un sentimento.

19 commenti:

  1. Ho letto il testo del brano di cui parli (so chi è Tenco ma non è il mio genere).
    Non lo trovo egoista. Magari non mi trovo d'accordo sui motivi per cui ci si innamora, dato che è una cosa che accade e basta, ma alla fine spesso ci si innamora di qualcuno come conseguenza di quella ricerca...quella che ci fa cercare qualcuno da amare, da sognare, con cui ci possiamo emozionare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quando accade, è favoloso. Sentire le farfalle nello stomaco...

      Elimina
  2. Conosco bene gli amori clandestini. Possono essere sublimi e devastanti al tempo stesso. Puoi toccere le vette più alte del piacere e sprofondare nel dolore più acuto. E conosco bene quei baci appassionati scambiati al momento del saluto e il reciproco desiderio di sentirsi come una coppia "normale" in mezzo alla gente. E' vero, gli amori clandestini vivono di momenti, di frammenti di vita rubati all'ordinario... ma l'intensità di quei momenti è impagabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una complessità ed intensità di emozioni e sensazioni che non riuscirei a descrivere. Da togliere il sonno, la fame... Per questo ho paura.

      Elimina
  3. Ho letto il testo di Tenco e ammetto che, nonostante alla prima lettura non sembrasse, è vero, è profondamente egoista.

    Si è innamorato solo per colmare dei propri bisogni. Il bisogno di qualcuno che lo ascolti, che riempia il suo molto tempo vuoto, che gli tenga compagnia.

    Non c'è nulla di più egoista, ma del resto l'amore è egoista, perché stupirsene?

    Ti lascio quella che invece, per me, è la poesia d'amore più bella che sia mai stata scritta, dal grande chansonnier Jaques Prévert:

    Per te amore mio.

    Sono andato al mercato degli uccelli
    e ho comprato uccelli
    Per te
    amor mio

    Sono andato al mercato dei fiori
    e ho comprato fiori
    Per te
    amor mio

    Sono andato al mercato di ferraglia
    e ho comprato catene
    pesanti catene
    Per te
    amor mio

    E poi sono andato al mercato degli schiavi
    e t'ho cercata
    ma non ti ho travata
    amor mio.

    Ma aggiungo una cosa. Non credo nell'amore. Solo nel desiderio e nel possesso. L'amore è solo un miraggio. Svanisce immediatamente. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Non bisogna stupirsi di chiamare le cose con il proprio nome. L'amore è egoista.
      Bellissima poesia. Grazie per averla condivisa :-)
      Anche io non credo nell'amore. Per molto tempo l'ho fatto, ma in realtà io voglio essere libera. Non so se riesco ad "appartenere" a qualcuno diverso da me. Quando l'ho fatto, non è certo andata bene.

      Elimina
    2. Io appartengo moltissimo. Ma per breve tempo.

      Forse semplicemente l'unico che poteva ambire a possedermi realmente non mi ha voluta, o forse non è ancora capitato sulla mia strada.

      Nel frattempo mi regalo ad ogni meravigliosa creatura mi desideri :)

      Per un poco.

      Elimina
    3. Poco è la quantità di tempo giusta. Poi ci sono le eccezioni, sicuramente. Ma in realtà a me non è mai successo. Forse sono troppo volubile ;-)

      Elimina
  4. Le storie clandestine secondo me...sono belle solo agli inizi, quando non pensi a nulla e vuoi solo viverti l'altro, anche se solo per poche ore ogni tanto, solo per sentire l'odore della sua pelle e le sue braccia che ti stringono. Poi pero'...ti accorgi che non basta piu', che come hai detto tu, vuoi sentirlo/a e non puoi, vuoi farci l'amore ed invece ti tocca farlo con il tuo partner ufficiale...insomma...il prezzo che poi si paga per quei pochi attimi felici, secondo me e' troppo alto, troppe complicazioni, troppi sotterfugi. Sull'amore in generale...qualche volta anche io penso che sia una fregatura, perché spesso sono piu' dolori che gioie, ma poi quando penso al mio uomo, non so perché ma mi passa tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spirito Libero, ciò che hai scritto è davvero bello! :)
      Te lo meriti un uomo così. E lui, ad avere accanto una donna tanto speciale come te, è davvero fortunato.
      Un bacio.

      Elimina
  5. Amare significa voler bene a una persona.
    "Volere il suo bene", fare di tutto perchè ciò accada.
    Non esiste niente di più lontano dall'egoismo, e innamorarsi per solitudine non è neanche innamorarsi.
    L'amore è roba per gente coraggiosa, per cui, se riesco, lo evito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace ciò che hai scritto. Io non sono coraggiosa. Sarà per questo che ho qualche rimpianto. Però ci sono emozioni così forti, che ogni volta sembra la prima. Ti chiedi come sia riuscito a farne a meno, fino a quel momento. Restare razionali è sempre molto difficile.

      Elimina
  6. Mi piace molto Tenco, molto anche il pezzo che hai postato.
    Il testo e' bello perche' sincero.

    IO non ho mai provato l'amore degli amanti, solo qualche gioco iniziale con un'amica sposata che poi ci siamo fermati subito.
    Non li ho mai cercati, ora sono meno chiuso, anche piu' realista sul qui_e_ora e quando la fiorentina e' venuta a casa mia ci sono stati momenti piacevoli senza tante domande e remore.

    Certo che' puo' diventare divino ed infernale, proprio per l'effetto esaltante della distanza, dell'impossibolita' di vivere il quotidiano che e' premio e condanna allo stesso tempo.

    I sentimenti non li puoi bandire.
    Forse lasciarli un po' li' per il momento, a decantare.
    Forse tu intendi innamoramento o voglia di innamorarsi piu' che i sentimenti. I sentimenti e la passione, il trasporto non sono la stessa cosa.
    Ma io poi che scrivo che alla fine... non e' che ci abbia capito granche'.
    Baci Rossa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho una grande confusione...vorrei vivere le situazioni con leggerezza, ma spesso so solo essere severa con me stessa, autoritaria. Quando in effetti vorrei solo godere di ogni attimo.
      Un bacio grande a te <3

      Elimina
    2. Forse sei uno spirito troppo visto e libero per la situazione in cui sei.
      Ma ognuno di noi ha questi vincoli, questi legami.
      A volte hanno pure senso, lo si scopre con il tempo.

      Elimina
  7. uffa uffe uffi uffo uffu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti abbraccio forte, mio Grisù :-*

      Elimina
  8. l'amore non lo piloti, è come mettere le mutande alle parole, prima o pi escono perchè devi andare in bagno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua metafora rende benissimo, Francesco. Allora diciamo che posso provare a non abbandonarmi, a non perdere il controllo. Provare. Perché mi conosco...in certe cose non sono abile.
      Buona giornata.
      Oggi, grazie a te, New Order! ;-)

      Elimina