Elenco blog personale

mercoledì 5 giugno 2013

Gli uomini e l'amore



Ho scritto tante volte del mio amore per gli uomini. Del fatto che mi piace assecondarli, coccolarli, conoscerne passioni ed interessi, e di come dedichi buona parte del mio tempo all’avvicinarmi al loro mondo. Schietti nelle conversazioni, non si perdono in giri di parole, e mi trovo vicina a loro nel modo di vivere la sessualità, fisica e vera, senza finzioni o inutili pudori. Che sia per una volta o per sempre.

Da poco ho però capito di aver sempre ritenuto l’uomo incapace di amare. Mi correggo. Ho creduto che poco gli importasse dei sentimenti. Che il senso pratico lo portasse a prediligere altro. Affetto, lealtà, ma poco interesse per l’amore, inteso come “farfalle nello stomaco”, o quel desiderio di voler trascorrere il tuo tempo con una persona appena conosciuta, che ritrovi sempre nei pensieri. Lo so, si tratta di pregiudizi. Sono vittima di stereotipi, ma nessuno è perfetto. Sarà che ho incontrato uomini che, per principio o per distrazione, non hanno manifestato mai questa propensione al sentimento, anche se, pensandoci bene, non è proprio così. 
Un uomo c’è stato. Nonostante, come accade spesso, tutto sia partito dal sesso, dalla sua passione per la mia bocca, dal suo scoprirmi un po’ troia, poi l’amore c’è stato. Ed io l’ho capito adesso più di allora. Ho sminuito i suoi sentimenti, forse. Perché sono severa con me stessa, e dubito sempre di un uomo che dice di amarmi. Perché non mi sembra possibile. Solo adesso capisco perché lui, l’ultima volta, mi disse che non posso avere la presunzione di conoscere i sentimenti di chi mi sta accanto, che non ho il diritto di decidere per due, e di sapere cosa sia giusto per il mio uomo.

Ho scoperto che l'altro sesso sa amare. Ed è accaduto ascoltando delle storie meravigliose, abbandonando sovrastrutture mentali. Ho letto di uomini che portano nel cuore donne che non vedono da anni, che pur non avendole più accanto, non riusciranno ad amarne altre allo stesso modo. Ho conosciuto uomini che si interrogano su come approcciarsi all’amore, su come viverlo. Se sia il caso di dimostrarlo o se è meglio fingere indifferenza e lasciare fare al caso, o che non si fidano più dell’amore al punto di evitarlo come la peste. A volte vivono il sesso con ansia, o come qualcosa di superfluo. Uomini che entrano tanto in sintonia con una donna, da conoscerne i pensieri ancora prima che lei li esprima. In tutto questo, il sesso diventa un’esigenza, un’urgenza. Una necessità. 

Io amo scopare, a prescindere. Ed è semplice trovare qualcuno che condivida questa passione, prendendo solo il buono di me. Ma se un uomo mi ama per ciò che sono (un po’ scostante, confusa, disordinata anche nei pensieri, indipendente nei sentimenti, zoccola quanto basta, che vuole convincersi di essere cinica, ma che ci riesce a stento) e se non cerca di cambiarmi, ma di venire a compromessi, le sue fantasie saranno le mie. E lo stesso sarà con le sue voglie, con il piacere di goderci. E quello non sarà solo scopare. Sarà organizzare la giornata in funzione dei nostri incontri. Sarà non avere nessun tabù, nessun limite. E sarà condividere tutto. Interessi, quotidianità, voglia di proseguire insieme il cammino. 
Se qualcuno può, mi aiuti a capire: anche questo può essere amore?

P.S. Ancora una volta grazie, uomini della mia vita. Se sto imparando a conoscermi, è grazie a voi. E scusate se, per anni, ho dubitato dei vostri sentimenti.


24 commenti:

  1. ognuno ama a modo proprio, e questo vale x tutto, dalla musica alle persone al sesso, quindi la risposta e' si, potrebbe essere amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno ama a modo proprio, si.
      Se fosse amore, ne sarei felice. :-*

      Elimina
  2. Amarti per come sei?

    Io non riesco neppure ad immaginarla una cosa piu' soave, lieta, facile, felice, saggia.

    Piuttosto tu costringi, Rossa, a ridefinire certi concetti, ad associarli intimamente ad un nome, il tuo.

    Beato chi ti incontra, bellissima creatura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gio, riesci sempre a confondermi, a donarmi più che un sorriso. Beata la donna che conquista il tuo cuore.

      Elimina
  3. Leggendo questo post ho realizzato di aver amato spesso.
    Spesso mi è capitato e mi capita di sentire le "farfalle nello stomaco", di avere una persona conosciuta da poco nella mente più spesso di quanto sarebbe forse lecito.
    E non potrei amare persone che non sono vere, con quelli che loro definiscono difetti.
    Pregi e difetti sono definizioni soggettive ed in quanto tali non mi interessano.
    Mi interessa avere quella persona al 100% sia quello che ritiene bello che quello che ritiene meno bello perché quelle donne capaci di entrarmi dentro, nella testa e nel cuore, meritano di essere vissute nella loro completezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se ho amato spesso. Ho provato grandi passioni, sentimenti forti, ma era amore? So che ne è un sempre valsa la pena.

      Elimina
  4. Boia, grazie della considerazione ricevuta. Oddio, forse sono fuori ma (e senza essere polemico), l'amore non è mica detto detto che sia un sentimento sano è. Ultimamente negli uomini è pericoloso e pure parecchio.
    Credo che alla fine quando c'è l'amore sano si verifichino le condizioni che dici tu; "E quello non sarà solo scopare. Sarà organizzare la giornata in funzione dei nostri incontri. Sarà non avere nessun tabù, nessun limite. E sarà condividere tutto. Interessi, quotidianità, voglia di proseguire insieme il cammino. " perché questo E' L'AMORE sano. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dico sempre di non sapere cosa sia l'amore, ma non ne sono più sicura. È vero, a volte l'amore è malato, diventa possesso, e l'ho vissuto a mie spese. Ma oggi vorrei godermi l'amore sano.
      :-*

      Elimina
    2. Alla fine penso che sia un misto tra la sicurezza, l'appagamento e l'affiatamento tutto assieme ma ai posteri l'ardua sentenza :) :*

      Elimina
    3. Se di mezzo c'è la sicurezza, sono fregata :-(

      Elimina
    4. perché? non mi parrebbe saggio manco fare una scopata senza sicurezza :P :D

      Elimina
    5. Dipende da quanto si dovrebbe essere sicuri, allora.

      Elimina
  5. direi che è l'amore perfetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto? Allora sono sulla buona strada :-)

      Elimina
  6. Esiste un modo diverso di amare, forse? :)

    Mi piace come la pensi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se questo è amare, non esiste modo diverso. Hai ragione. :-)
      Grazie Mist :-*

      Elimina
  7. Oggi 'st'argomento mi duole assai, Rossa.
    Mannaggia li pescetti mannaggia...

    RispondiElimina
  8. Io non credo che esista l'"Amore" in assoluto, ma ciascuno di noi sperimenta nella propria vita alcune delle infinite varianti del rapporto amoroso. E si misura con le esperienze vissute. E io sono certo di avere amato alcune persone. E non era mera passione o desiderio o forte coinvilgimento. E' stato amore vero. Diverso sempre, ma amore in tutti i sensi. E con queste persone sono stato me stesso, ho goduto e sofferto. Ho provato gioia e dolore. Ho dato molto e ricevuto altrettanto. E rifarei tutto, o quasi tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sento i tuoi pensieri sempre molto vicini ai miei, John. Anche io rifarei tutto. In alcuni casi oserei di più. Ma ogni sorriso, così come ogni lacrima, ogni carezza...porto tutto inciso dentro.

      Elimina
  9. "Ho letto di uomini che portano nel cuore donne che non vedono da anni, che pur non avendole più accanto, non riusciranno ad amarne altre allo stesso modo."

    Oggi io e lei ci siamo visti, probabilmente, per l'ultima volta. Ogni incontro sempre più lacerante, allora proviamo a dire basta.
    Non so se ce la farò, ma glielo devo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coincidenze...
      A volte le buone intenzioni non bastano, però. Mi dispiace avvertire questo senso di tristezza. Spero che tutto vada nella maniera migliore per voi, qualunque essa sia.
      Forse vi accorgerete che è inutile ed ingiusto stare lontani l'uno dall'altra.
      Un abbraccio, mio caro Vipero :-*

      Elimina
  10. Le differenze individuali sono molto più forti rispetto a quelle di genere.
    Anche se la biologia è findamentale nel determinarne alcune di genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, le differenze individuali contano di più. Sono sciocca, spesso ^_^

      Elimina