Elenco blog personale

giovedì 14 marzo 2013

Il vicino di casa



Pomeriggio pessimo, a lavoro. Guardo costantemente l’orologio. Con intervalli regolari di dieci minuti. Verso l’orario di chiusura mi accorgo che c’è in giro un uomo mai visto prima, un viso davvero interessante. Uno sguardo intenso, una sciarpa che ispira coccole, ma non riesco a vedere altro. Vaga, inutilmente, alla ricerca di qualcosa che forse non sa cosa sia. E visto che sono pagata per essere gentile, mi avvicino con nonchalance. In effetti è in difficoltà, e mi prodigo per aiutarlo. Cortese, carino e molto, molto scopabile. Non posso non notare il suo culo. I suoi jeans me lo stanno proprio offrendo. Sarei poco garbata a non accettare questo dono.
Quanto è bello flirtare. Lui risponde meravigliosamente. Sorrisi, occhi da cerbiatta e palpebre che si chiudono  dolcemente, fino a quando arriva per lui il momento di compilare un modulo. Lo faccio accomodare accanto a me e lo osservo attentamente. Non è alto. Fisicamente somiglia ad un ex calciatore che frequentai tempo fa. Indossa solo la camicia sotto il cappotto. Una camicia azzurra. Ed io mi immagino già mentre la sbottono. Lentamente. Mentre torturo il suo orecchio a furia di mordicchiarlo. Immagino di mettergli le mani tra i capelli, di indugiare con la mia lingua nella sua bocca. Stavolta, però, non mi viene in mente di inginocchiarmi davanti a lui. No, vorrei tanto leccargli il culo. Non so perché. Ma passerei la punta della mia lingua su ogni centimetro del suo culo. Fino ad arrivare al buco. Perdermi lì e poi giungere, finalmente, a quello che preferisco. Certo, cos’è il sesso se non posso succhiare?
Intanto compila il modulo. Mi dice qualcosa che non capisco, perché nella mia mente, in effetti lui sta già godendo. Riesco a cogliere solo che si è trasferito qui da poco, e qui è solo (povero tesoro, è solo!). Sbircio un attimo il suo modulo e scopro che abita a 100 metri da casa mia. Questo è un segno del destino. Ed io credo fermamente nel destino! “Accidenti, ma sa che siamo vicini di casa? Abito al numero 45 della sua stessa via.” (Ancora palpebre che si chiudono dolcemente). Lui mi sorride, mi dice “Sono un uomo fortunato. Sono qui da poco, ed incontro subito una vicina di casa così gentile … il minimo che posso fare è invitarla a bere un caffè a casa mia.” Si, io credo fermamente nel destino!  

 Photo: Jan Saudek

6 commenti:

  1. Ahah, sei una birba fantastica!! :) :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà il periodo...non riesco a contenermi! :-)
      E non voglio contenermi. La verità è che voi uomini siete fantastici. Vi amo alla follia!! :-*

      Elimina
  2. Ecco...io invece abito in una zona isolata...e poi mi lamento che non scopo.
    Ragazza questo post lascia presagire sviluppi davvero interessanti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, stiamo a vedere. Dai, vieni a vivere vicino casa mia!! :)

      Elimina
    2. Ah sicuro...con tutti gli uccelli che ti svolazzano intorno...mi sembri San Francesco ;-)
      Figurati se caghi uno come me...

      Elimina
    3. Una collega, che professa una religione che adesso non ricordo, ripete sempre che non si può vietare agli uccelli di volare sulle nostre teste, ma si può fare in modo che non ci si costruiscano il nido. ;-)

      Elimina