Elenco blog personale

martedì 5 marzo 2013

Indovina che si fa a cena!



In queste giornate di solitudine, pensieri e TV, mi è capitato di vedere la pubblicità di una rivista maschile che promette di insegnare i trucchi della cucina per conquistare la lei di turno. Mai nessuno ha pensato di dedicare un tutorial a come stimolare il clitoride? Magari così quest’uomo riesce a conquistarla davvero una donna!

Dopo la prima riflessione, però, mi viene in mente l’immagine di un uomo imbrattato di farina, che stende la pasta a mano, che affetta con precisione certosina ortaggi sul tagliere,  che usa il vino giusto per sfumare,  e penso che se il mio uomo cucinasse per me, già per il solo impegno e il tempo dedicatomi, meriterebbe una serata davvero speciale.

Candele accese, una musica discreta come sottofondo (per una sera potrei rinunciare anche a basso, batteria e chitarre elettriche), chiacchiere, sorrisi … e poi basta.

 Basta con la fase introduttiva. Perché io ho provato a descrivere l’andamento di una serata “normale”, ma in realtà, nella mia mente il tavolo non la vedo imbandito, ma come un meraviglioso piano sul quale stendermi, aprire le cosce e farmi amare, leccare, baciare. Che sia di legno, di vetro, o di qualsiasi altro materiale, è questo ciò che mi ispira. Sempre. Un punto d’appoggio che mi permetta di offrire le terga al mio cuoco, di farmi strapazzare, tormentare dolcemente.

E adesso? Adesso mi è venuta fame!


10 commenti:

  1. Mi ha sempre stuzzicato l'idea di avere una donna nuda sul tavolo e "usarla" come condimento...tipo prendere un gamberetto sgusciato e farlo passare attraverso le sue labbra per insaporirlo...o magari bere la tequila leccando prima il sale tra le sue tette...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, se prima cucini, poi puoi realizzare la tua idea ;-)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie, meravigliosa Femmina Gaudente! :-)

      Elimina
  3. E' da qualche mese che non cucino per una femmina per... cucinarmi la femmina! (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe venirmi in mente l'immagine di Un Uomo che mette una donna a cuocere in un petolone, ma invece no. Mi immagino Un Uomo che la cuoce con parole, gesti, attenzioni. Metodo di cottura a fuoco lento. Si ottengono ottimi risultati! ;-)

      Elimina
    2. No noo
      Oltre alla parole ci sono i piaceri della gola.
      C'è un filo sottile, fortissimo, un filo di rayon tra eros e cibo e vita.
      Ho sempre amato cucinare per le mie amanti.
      In fin dei conti è solo un altro lato del mio ego.
      Sentirsi desiderato anche per i piaceri del palato.
      E' un lubrificante molto potente.

      Elimina
    3. Meriti lunghi dopo cena, allora. Che sanno di vaniglia, ma piccanti come il cioccolato di Modica. Frizzanti, morbidi al palato. Tutti da gustare ;-)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Cena perfetta, che aspetta solo di essere servita!! :-)

      Elimina