Elenco blog personale

venerdì 3 maggio 2013

Stati d'animo



Mi sono fatta a pezzi e ricostruita decine di volte, nel corso degli anni. 
E’ sempre doloroso, perché, per fare spazio alla nuova me che ne viene fuori, devo rinunciare a qualcosa della vecchia me. Visi, parole, amicizie, legami, relazioni, momenti più o meno felici, sentimenti … tutto messo in un calderone, mescolato insieme, e non so mai cosa ne verrà fuori. Solo che con il tempo mi pare di soffrire meno per la perdita di pezzi che credevo indispensabili. E mi chiedo se in questo sta il cinismo. 
O se è, piuttosto, nascosto dietro la mia convinzione che con il sesso possa mettere a tacere le domande per le quali non trovo risposta. Come se l’adrenalina del sentirmi desiderata, l’avere uno sguardo fisso addosso, mi ripagassero di tutto ciò che mi manca. Stati d’animo, riflessioni che, per mia fortuna, durano il tempo di una canzone malinconica, di un acquazzone, di un batter di ciglia.

Mi viene in mente Leo Ferrè:

La disperazione è una forma superiore di critica. Per ora, noi la
chiameremo "felicità" perché le parole che voi adoperate non
sono più "parole" ma una specie di condotto attraverso il quale
gli analfabeti hanno la coscienza a posto. Ma...
la solitudine


13 commenti:

  1. L'ego esiste e ci gratifica.
    Però è come il fruttosio, da dei picchi ai quali poi segue il vuoto glicemico.
    Esiste ma non può essere solo quello.
    E neppure demonizzarlo, come fanno i moralisti.
    Comprenderlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, è proprio il vuoto glicemico che mi frega!

      Elimina
  2. Ferrè la sapeva lunga. Stai bene cucciolotta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un anarchico deve saperla lunga! Sto, bene, cara Fabrax :-*
      Chè tutto passa!

      Elimina
  3. Nulla muore. Tutto si trasforma.
    FG

    RispondiElimina
  4. anche la fenice muore e rinasce dalle proprie ceneri, ma non per questo perde la sua storia, ma solo ciò che a vita nuova non serve.

    e per quanto riguarda l'essere cinici, beh, non necessariamente è un difetto, anzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciò che a vita nuova non serve...me ne ricorderò. ;-)

      Elimina
  5. Legge di Miller:
    Non puoi dire quant'e' profonda una pozzanghera finche' non ci finisci dentro.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto goffa...ci sono finita dentro tante volte!

      Elimina
    2. io ho letto il mio epitaffio: "chi non sa nè tradire nè esser fedele, si goda il compromesso" (Barbara Alberti).
      Per me più che una pozzanghera, quindi, una sabbia mobile. Anzi: immobile.

      Con questo vorrei dirti: vivi, e non stare troppo ad analizzare.

      bacio.

      Elimina
    3. Si, mio dolce Grisù, hai proprio ragione. Sono attimi. :-*

      Elimina